Estratto di un discorso informale sul senso delle cerimonie



Silo, Bombay 1977



… Noi diciamo che c'è un sentimento che si orienta verso la trascendenza, ma non diamo spiegazioni circa l'aspetto della divinità.
Ci sono tra i nostri amici molti credenti e molti atei. E per noi questo va molto bene....
Noi crediamo nella libertà di espressione del sentimento umano.
Non cerchiamo di accentuare le differenze; cerchiamo di lanciare ponti di comunicazione tra gli esseri umani.
Ma come si fa a costruire ponti tra differenze? Solo il sentimento può fare da collante.
Il sentimento è la forza che può muovere gli insiemi.
Per noi ciò che è cerimoniale non è destinato a una divinità. Per noi ciò che è cerimoniale è destinato al sentimento.
Queste cerimonie uniscono emotivamente. Permettono che le emozioni si esprimano. Permettono che le persone si leghino.
Permettono di tendere ponti tra le persone.
E' il sentimento dell'amore, il sentimento religioso, e tutta questa forte energia che c'è all'interno del cuore dell'uomo.
E questa cosa insolita che è l'apparente differenza tra esseri umani, può risolversi con maggiore facilità di quello che si crede.